Seguici su

Spagna inquieta

Grazie alla rivista Istituzioni del Federalismo, un confronto tra Italia e Spagna, a 40 anni dalla Costituzione autonomista del dopo-Franco

Sono trascorsi quarant'anni dall’approvazione della Costituzione spagnola del 1978, pietra tombale sul la dittatura franchista, e tuttavia la questione territoriale in Spagna - con le sue autonomie territoriali e la sua storia - è ancora lontana da una soluzione stabile. È per questa ragione che la rivista "Istituzioni del Federalismo" (IdF), promossa dalla Giunta regionale dell'Emilia-Romagna, ha dedicato una numero al tema dei "Quarant'anni di autonomia in Spagna", raffrontandola anche alla situazione italiana. 

Come ricorda nell'editoriale il professor Gianluca Gardini, "quelli spagnoli sono territori inquieti", ripescando una definizione di Luciano Vandelli, grande studioso del fenomeno autonomistico in Europa. Vandelli - lo sottolinea sempre Gardini - nel porre in relazione l’articolazione politico-istituzionale del Regno di Spagna con il suo substrato geofisico, ne ha evidenziato il radicale cambio di prospettiva che, nell’arco di due secoli, si è verificato rispetto all’idea di territorio resa universale dalla Rivoluzione francese. Sono questioni che hanno riflessi importanti anche per l'Italia.

Dunque, è ora fruibile anche in rete il n. 2/2019 della rivista, un numero di spessore europeo, di attualità e da analizzare a fondo, grazie anche agli autorevoli contributi direttamente in spagnolo, da esperti sul campo delle materia -  Alfredo Galán Galán, Luis Cosculluela Montaner, Fabio García Lupato e  Cristian Altavilla - e con uno sguardo anche alla evoluzione dell'America Latina.

Azioni sul documento

pubblicato il 2019/08/08 11:09:00 GMT+2 ultima modifica 2019-08-08T11:22:26+02:00

Non hai trovato quello che cerchi ?