Seguici su

Programma Formativo della Partecipazione Anno 2022

4 i corsi in partenza, in sinergia con il Bando Partecipazione 2022

Il Programma Formativo della Partecipazione 2022, che fa parte del Piano Formativo Triennale per la Partecipazione 2022-2024, nasce da un percorso partecipativo di coprogettazione, TrasFormAzioni, che ha coinvolto enti locali, associazionismo, professionisti e cittadini interessati al tema.

Nel dettaglio, sono state presentate le schede dei primi 4 corsi in partenza nell’Anno 2022.

I primi moduli proposti sono i seguenti:

  • sviluppare dell’intelligenza emotiva (partenza 28/11/2022);
  • coinvolgere i giovani usando il loro linguaggio (partenza 2/12/2022);
  • valutare l’impatto sociale della partecipazione sul territorio (partenza 5/12/2022);
  • percorsi partecipati ibridi (partenza 6/12/2022).

Verrà privilegiata, come negli scorsi anni, la modalità laboratoriale di formazione per la partecipazione così da stimolare il confronto tra pari, e tessere delle reti, dei confronti, tra chi opera nella progettazione partecipata a livello pubblico, nei diversi settori di interesse.

Nelle singole schede tutte le informazioni per partecipare: obiettivi, programma, docenti e date e sviluppo delle attività ricomprese su più anni, oltre al link di iscrizione online. Domande entro il 21 novembre 2022.

Priorità di iscrizione verrà data al personale degli enti locali regionali, ma tutte le domande saranno valutate nell’ottica di allargare l’offerta formativa al numero più elevato di persone.

Al fine di informare e diffondere questa importante opportunità di formazione – completamente gratuita – è stato altresì predisposto un video che spiega, in modo semplice e diretto le regole di partecipazione.

Ricordiamo infine che il Programma formativo predisposto è in stretta correlazione con Bando partecipazione 2022, che tra le sue premialità prevede punteggi aggiuntivi, a quei progetti partecipativi che riflettono ed investono nella formazione del personale coinvolto nei processi.

L’obiettivo è quello di promuovere progetti partecipativi sempre più qualificati ed adeguati alle diverse realtà territoriali regionali, lasciando liberi i soggetti proponenti di programmare azioni formative personalizzate o prevedere la partecipazione del proprio personale alle iniziative formative che la Regione stessa realizza, come previsto dalla legge regionale n. 15/2018.

Approfondimento

Non hai trovato quello che cerchi ?