Seguici su

Polizia locale

FAQ corso-concorso per agenti di Polizia Locale - Tutto quello che ti occorre sapere

Le presenti FAQ hanno la funzione di accompagnare le persone interessate nella comprensione del bando ma non ne sostituiscono il valore legale.

FAQ aggiornate al 20 dicembre 2019

 

  • 1. Perché si parla di corso-concorso?

Perché, oltre alle prove selettive, è previsto lo svolgimento della formazione obbligatoria residenziale, della durata di 4 settimane.

 

  • 2. Dove e quando si svolgerà la formazione residenziale?

La formazione residenziale durerà 4 settimane consecutive nel periodo compreso tra il 8 giugnio 2020 ed il 4 luglio 2020.

 

  • 3. In totale quanti sono i posti messi a concorso?

138 Posti di agente di Polizia Locale (Categoria Giuridica C - posizione economica C1)

 

  • 4. Esiste un limite di età?

Sì, possono presentare domanda per il concorso le persone che alla data di scadenza del bando (20 gennaio 2020) hanno compiuto 18 anni e non hanno superato la data del 35° compleanno.

Quindi possono partecipare i nati dal 20/01/1985 al 20/01/2002 compresi.

 

  • 5. Esistono deroghe al limite di età?

Sì, possono presentare domanda anche coloro che alla data di scadenza del bando (20 gennaio 2020) non hanno superato la data del 38 compleanno e quindi sono nati tra il 20/01/1982 ed il 20/01/2002 compresi, a condizione che:

  1. siano stati assunti come addetti di polizia locale a tempo determinato, nei due anni precedenti alla data di scadenza del bando (20 gennaio 2020), per almeno 60 giorni complessivi anche non continuativi (cioè: chi è stato assunto come addetto di polizia locale a tempo determinato per almeno 60 giorni anche non continuativi nel periodo tra il 21 gennaio 2018 e il 20 gennaio 2020 compresi).

 

  • 6. Per partecipare bisogna essere residenti in Emilia-Romagna?

No, possono partecipare anche coloro che risiedono altrove anche all’estero purché ovviamente siano in possesso dei requisiti richiesti.

 

  • 7. Possono partecipare solo i cittadini italiani?

Sì, la cittadinanza italiana è uno dei requisiti di ammissione al concorso.

 

  • 8. I posti messi a concorso sono tutti a tempo indeterminato?

Si, sono tutti posti a tempo indeterminato.

 

  • 9. Sono tutti posti a tempo pieno?

Sì, sono tutti posti a tempo pieno.

 

  • 10. Ci sono dei posti riservati ai militari?

Sì, 27 posti sono riservati ai militari volontari delle Forze Armate, così come previsto dall’art. 1014, commi 1, lett. b), e 3, e dall’art. 678 comma 9 del D.Lgs. 66/2010.

Scheda informativa del Ministero

FAQ dal Ministero su questo specifico tema

Ufficio regionale dell'esercito:

     Comando Militare Esercito "Emilia Romagna" Via Urbana n° 8 - CAP 40123 (BO)

     tel. 051584130 / 051584011 sez.sostegnoricoll@cmebo.esercito.difesa.it;

Per poter essere considerata, la riserva deve essere espressamente dichiarata nella domanda di ammissione, indicando anche il dato relativo alla Forza Armata e Comando presso cui è stata effettuata la ferma e il relativo periodo; alla domanda potrà essere allegata la relativa documentazione.

 

  • 10 bis) Vengono considerati anche i titoli di preferenza?

Sì, ma le preferenze saranno applicate solamente per i candidati, classificatisi a pari merito, che dichiareranno esattamente i titoli di preferenza posseduti tra quelli che vengono di seguito elencati:

  1. aver prestato periodi di servizio come “lavoratori socialmente utili” nei limiti ed ai sensi dell’art. 12, commi 1 e 3 D. Lgs. n. 468/97;
  2. minore età anagrafica, ai sensi dell’art. 2, comma 9, L. 191/98.

Il titolo verrà valutato solamente se dichiarato nella domanda di ammissione alla procedura di selezione.

 

  • 11. È richiesto un titolo di studio per partecipare al concorso?

Sì, è richiesto il diploma di scuola media superiore (maturità o diploma quinquennale o titolo di studio che sia comunque legalmente valido per l’accesso all’università).

Qualora il candidato sia in possesso di un diploma non previsto all’interno dell’elenco nel formulario on line, va specificato il tipo di diploma nel campo aperto dello stesso formulario on line.

 

  • 12. Se ho un diploma di scuola media superiore (maturità o diploma quinquennale o titolo di studio che sia comunque legalmente valido per l’accesso all’università) conseguito all’estero?

Entro il la data di scadenza del bando (20 gennaio 2020) il candidato deve possedere il provvedimento di equipollenza o di equivalenza previsto dalla normativa italiana, oppure avere presentato la domanda per ottenere tale provvedimento alla competente autorità.

 

  • 13. È richiesta una patente di guida specifica per partecipare al concorso?

Sì, sono richieste le seguenti patenti di guida:

  1. di categoria “B”, in corso di validità;
  2. di categoria “A2” per la conduzione di motocicli, in corso di validità.

  

  • 14. Qual è esattamente la patente “A2”?

La patente “A2” si può prendere a 18 anni e permette di guidare le moto con potenza fino a 35 kw. Se il candidato possiede la patente “A”, detta in gergo “A3”, può comunque partecipare al concorso.

Se il candidato possiede solo la patente “A1” non può partecipare al concorso.

Per patente A2 si intende una patente per la guida di motociclo recante la dizione A2 indipendentemente dall’uso o meno delle marce.

 

  • 15. È possibile presentare domanda anche se non sono ancora in possesso della patente “A2” richiesta?

Sì, c’è tempo per prenderla entro la data della prova di preselezione a contenuti professionali, che si terrà il 25 febbraio. Al momento di tale prova, infatti, il candidato dovrà presentarla alla commissione, a pena di esclusione. Non è sufficiente presentare in quella sede il solo foglio rosa.

 

  • 16. Quali sono gli Enti che assumeranno?

Il Corso concorso è fatto per assumere Agenti di Polizia Locale dei Comuni e delle Unioni di Comuni (Polizia Municipale) ed anche Agenti di Polizia Locale delle Province (Polizia Provinciale). Sotto trovi il numero di posti per ogni Ente che assume.

 

Enti Locali

N. Assunzioni

Comune di Bologna (BO)

70

Comune di Codigoro (FE)

1

Comune di Goro (FE)

1

Comune di Lagosanto (FE) 

1

Comune di Modena (MO)

3

Comune di Noceto (PR)

1

Comune di Parma (PR)

7

Comune di Piacenza (PC)

15

Comune di Reggio Emilia (RE)

11

Comune di San Lazzaro di Savena (BO) 

3

Comune di Valsamoggia (BO)

2

Provincia di Forlì-Cesena (FC)

2

Provincia di Reggio Emilia (RE)

2

Unione Bassa Val d’Arda e Fiume Po (PC) 

1

Unione Distretto Ceramico (MO)

2 per il Comune di Formigine

Unione Rubicone e Mare (FC)

1 per il Comune di Cesenatico

1 per il Comune di Longiano

Unione Terre d’Acqua (BO)

7

Unione Terre d’Argine (MO)

4

Unione Tresinaro Secchia (RE)

2

Unione Valconca (RN)

1

Totale assunzioni a tempo indeterminato 

138

 

 

  • 17. Nella domanda posso indicare l’ente per il quale concorrere?

No, ogni candidato esprimerà l’ordine di preferenza degli enti durante il corso di formazione e l’assegnazione terrà conto della preferenza, secondo la graduatoria finale.

 

  • 18. Come si svolge la scelta dell’Ente?

Durante il periodo di formazione, i candidati devono dichiarare l’ordine di preferenza degli Enti Locali che assumeranno.

Al termine del concorso, i candidati che risulteranno vincitori saranno chiamati a sottoscrivere il contratto di lavoro con l’Ente Locale individuato sulla base del posizionamento in graduatoria e delle preferenze dichiarate dagli stessi durante la formazione.

 

  • 19 Cosa succede se supero la prova finale, ma decido di non accettare il posto di lavoro individuato?

I candidati che non accetteranno il posto di lavoro individuato, entro il termine loro concesso, saranno esclusi dalla graduatoria e considerati rinunciatari.

 

  • 19 bis) In caso io venga assunto, devo permanere per un tempo minimo presso l’Ente Locale di prima assegnazione?

Sì, la permanenza presso l’Ente Locale di assunzione è stabilita in un periodo di almeno 5 anni.

 

  • 20. Cosa succede se supero la prova finale, ma non sono tra i 138 assunti?

La graduatoria ha validità triennale: quindi potrai essere chiamato in un secondo momento dagli Enti Locali elencati nel bando per sostituire eventuali rinunciatari. Nel caso in cui nessun Ente Locale avesse bisogno, avrai la possibilità di essere ammesso direttamente all’esame finale nel primo corso concorso regionale per agente di polizia locale successivo a questo, anche in deroga al requisito dell’età.

 

  • 21. Come posso inoltrare la domanda di partecipazione?

I candidati dovranno compilare la domanda tramite il portale e-Recruiting della Regione Emilia-Romagna: https://wwwservizi.regione.emilia-romagna.it/e-recruiting/Comunicazioni.aspx?reqalias=PL_2019_01

 

Sulla piattaforma, è sufficiente cliccare il link relativo alla presente procedura e seguire le istruzioni lì presenti nella “Guida alla compilazione della domanda”.

 

Per accedere al portale e-Recruiting è richiesto il Sistema Pubblico di Identità Digitale (SPID - https://www.spid.gov.it/). Se non possiedi ancora le credenziali SPID è indispensabile procedere il prima possibile per ottenerle, in modo da evitare rallentamenti che ti impediscano di presentare in tempo la domanda. Il rilascio delle credenziali SPID può richiedere diversi giorni dal momento della richiesta.

 

  • 21 bis) Quali sono i documenti di identità in corso di validità che posso allegare alla domanda?

Alla domanda può essere allegato uno dei seguenti documenti in corso di validità:

  1. carta d’identità
  2. il passaporto
  3. la patente di guida
  4. la patente nautica
  5. il patentino di abilitazione alla conduzione di impianti termici
  6. il porto d’armi

  

  • 22. È richiesto un pagamento per la partecipazione?

Sì, è previsto il versamento di una tassa di iscrizione di 15€, non rimborsabile.

 

Il versamento va fatto sul C/C IBAN IT 15 H 02008 02435 000003010203 UNICREDIT SPA – FILIALE BOLOGNA VIA UGO BASSI 1, intestato alla Tesoreria della Regione Emilia-Romagna, con causale “Corso Concorso PL – NOME E COGNOME DEL CANDIDATO”.

 La scansione della ricevuta comprovante il pagamento della tassa di concorso va allegata alla domanda di iscrizione, a pena di esclusione.

 

  • 23. Quante e quali saranno le prove?

Il concorso-concorso prevede le seguenti fasi:

  1. prova scritta di preselezione di cultura generale (4 febbraio 2020); 
  2. prova fisica di preselezione (19 febbraio 2020);
  3. prova di preselezione contenuti professionali 25 febbraio 2020);
  4. prova di idoneità psico-attitudinale (dal 9 al 14 marzo 2020); 
  5. visita medica per le finalità di cui alla DGR 278/2005 (dal 16 marzo al 30 maggio 2020);
  6. formazione residenziale della durata di 180 ore complessive (si svolgerà dal 8 giugno al 4 luglio 2020);
  7. esame finale (dal 4 al 31 luglio 2020)

 

  • 24. Come posso prepararmi per sostenere le prove?

per la prova preselettiva di cultura generale (Art. 12) non sono indicati materiali di studio; per la preselezione a contenuti professionali (Art. 14) nel bando sono indicate le materie oggetto della prova.

 

  • 25. Come faccio a sapere se sono ammesso alla prima prova scritta di preselezione di cultura generale?

Alla prova scritta di preselezione di cultura generale sono ammessi tutti coloro che hanno presentato la domanda di iscrizione. La verifica della regolarità della presentazione della domanda verrà effettuata a seguito della prova scritta di preselezione di cultura generale e saranno ammessi alla prova fisica di preselezione soltanto coloro che hanno presentato domanda regolare.

  

  • 26. Come, dove e quando si svolgerà la prima prova preselettiva di cultura generale?

La prova preselettiva di cultura generale si terrà il 4 febbraio 2020 presso il Palasport (PalaBigi) di Reggio Emilia, sito in Via Guasco.

Ogni candidato dovrà presentarsi in una di queste giornate, secondo un turno specifico. Il calendario dettagliato delle prove di preselezione (prova scritta di cultura generale, prova fisica e prova a contenuti professionali) verrà comunicato ai candidati entro il 29 gennaio 2020, con avviso pubblicato al link

https://wwwservizi.regione.emilia-romagna.it/e-recruiting/Comunicazioni.aspx?reqalias=PL_2019_01

I candidati devono presentarsi alla prova preselettiva di cultura generale muniti di idoneo e valido documento di riconoscimento.

 

  • 27. Come si articola la prima prova preselettiva di cultura generale?

La prova consisterà in:

  1. somministrazione di un test a risposta multipla di cultura generale e/o di ragionamento logico;
  2. max 30 quesiti;
  3. max 30 minuti;
  4. il materiale occorrente verrà distribuito prima dell’inizio della prova;
  5. prima dell’inizio della prova verranno date tutte le informazioni necessarie, comprese le modalità di corretta compilazione del modulo e le norme di comportamento da osservare a pena di esclusione dal concorso;
  6. non sarà consentita la consultazione di manoscritti, appunti, volumi o pubblicazioni di alcun genere né l’utilizzo di strumenti tecnologici o informatici.

 

Al termine della prova o di ogni turno di prova, la commissione, con l'ausilio di strumenti informatici, provvederà alla correzione delle prove dei candidati.

I risultati verranno comunicati ai candidati attraverso il link https://wwwservizi.regione.emilia-romagna.it/e-recruiting/Comunicazioni.aspx?reqalias=PL_2019_01

Il risultato ottenuto nella prova di preselezione di cultura generale, non sarà considerata ai fini del punteggio finale della graduatoria di merito del concorso.

  

  • 28. Tutti i candidati dovranno sostenere la prova preselettiva di cultura generale?

Sì.

 

  • 29. Quanti candidati passeranno la prova preselettiva di cultura generale?

I candidati classificati nelle prime 414 posizioni, nonché i candidati in posizione di parimerito con l’ultimo. Tali candidati saranno ammessi alla prova fisica di preselezione soltanto se la loro domanda sarà stata regolarmente presentata.

  

  • 30. Come si articolerà la prova fisica, seconda prova di preselezione?

La prova fisica di preselezione si svolgerà il 19 febbraio 2020 a Modena presso “A.S. La fratellanza 1874”, via Alfonso Piazza 76, e  consisterà in un percorso a piedi su distanza di 1000 metri piani che deve essere conclusa entro un tempo massimo pari a 5 minuti e 30 secondi per gli uomini e 6 minuti per le donne.

 

Per potere svolgere la prova fisica di preselezione, i candidati dovranno:

  1. presentarsi in abbigliamento adatto a potere svolgere la prova (non verrà fornito nessun capo di abbigliamento);
  2. presentare, a pena di esclusione, un valido documento di identità;
  3. presentare, a pena di esclusione, un certificato di idoneità sportiva non agonistica (rilasciato dal medico di medicina generale) o altro certificato superiore, in corso di validità.

 

Il rilevamento dei tempi della prova fisica sarà effettuato da un cronometrista ufficiale della Federazione sportiva italiana.  

Il candidato che non supera l’esercizio previsto nei tempi indicati sarà giudicato inidoneo dalla commissione e non sarà ammesso alla fase successiva, dunque escluso dal concorso.

Il giudizio di idoneità e non idoneità è notificato all’interessato direttamente al termine della prova fisica.

 

  • 31. Chi può accedere alla prova di preselezione a contenuti professionali?

I candidati che hanno superato la prova fisica di preselezione.

Chi non aveva ancora la patente A” quando si è iscritto, deve esibirla prima di fare la prova altrimenti sarà escluso dal concorso.

 

  • 32. Come si articolerà la prova di preselezione a contenuti professionali?

La prova preselettiva a contenuti professionali si svolgerà il 25 febbraio 2020 presso il Palasport (PalaBigi) di Reggio Emilia, sito in Via Guasco.

Consisterà in:

  1. un questionario a risposta multipla;
  2. max 30 (trenta) minuti;
  3. max 30 quesiti;
  4. il materiale occorrente verrà distribuito prima dell’inizio della prova;
  5. prima dell’inizio della prova verranno date tutte le informazioni necessarie, comprese le modalità di corretta compilazione del modulo e le norme di comportamento da osservare a pena di esclusione dal concorso;
  6. non sarà consentita la consultazione di manoscritti, appunti, volumi o pubblicazioni di alcun genere né l’utilizzo di strumenti tecnologici o informatici

 

Al termine della prova preselettiva a contenuti professionali, la commissione, con l'ausilio di strumenti informatici provvederà alla correzione delle prove dei candidati.

 Il risultato ottenuto nella prova di preselezione a contenuti professionali, non sarà considerata ai fini del punteggio finale della graduatoria di merito del concorso.

 

  • 33. Quali sono le materie oggetto della prova di preselezione a contenuti professionali?

La prova sarà sulle seguenti materie:

  1. diritti, doveri e responsabilità del pubblico dipendente;
  2. norme e regolamenti in materia di disciplina della circolazione stradale e norme complementari;
  3. sistema sanzionatorio amministrativo;
  4. elementi di diritto e procedura penale;
  5. leggi di Pubblica Sicurezza (TULPS);
  6. legislazione in materia di sicurezza urbana;
  7. elementi di diritto amministrativo con particolare riferimento all’ordinamento degli Enti Locali;
  8. normativa nazionale e regionale relativa alla polizia locale;
  9. disciplina nazionale e regionale in materia di commercio, pubblici esercizi ed attività produttive;
  10. normativa nazionale e regionale in materia di igiene, tutela ambientale ed edilizia;
  11. normativa nazionale e regionale in materia di caccia e pesca;
  12. conoscenza della lingua inglese;
  13. conoscenze informatiche.

 

  • 34. Chi ha accesso alla prova di idoneità psico-attitudinale?

I primi 152 candidati in base alla graduatoria della preselezione a contenuti professionali. In caso di parità di punteggio riportato nella preselezione a contenuti professionali, avranno la precedenza i candidati più giovani: non ci saranno quindi pari merito.

Se durante la prova di idoneità psico-attitudinale qualcuno dei candidati non risulterà idoneo, cioè escluso dal concorso, sarà sostituito con il recupero di candidati dalla graduatoria della preselezione a contenuti professionali, in ordine di punteggio, fino al raggiungimento di 152 candidati idonei.

 

  • 35. In cosa consiste la prova di idoneità psico-attitudinale?

Si tratta di prove psico-attitudinali individuali e/o di gruppo, sia scritte sia orali, svolte da psicologi esperti in psicologia del lavoro.

Dopo la prova ogni candidato riceverà per iscritto la comunicazione dell’idoneità o dell’idoneità psico-attitudinale.

Chi viene valutato inidoneo non sarà ammesso alle successive fasi concorsuali e sarà escluso dal concorso.

 

  • 36. Chi ha accesso alla visita medica per le finalità di cui alla DGR 278/2005?

Alla visita medica avranno accesso i 152 candidati risultati idonei alla prova psico-attitudinale.

 

  • 37. In cosa consiste la visita medica per le finalità di cui alla DGR 278/2005

I candidati devono essere fisicamente idonei alle funzioni previste per il posto, e cioè devono essere in possesso dei requisiti fisico-funzionali definiti dalla Direttiva Regionale approvata con Deliberazione della Giunta Regionale dell’Emilia-Romagna n. 278 del 14/02/2005 e successive modificazioni.

Per il dettaglio sui requisiti fisico-funzionali, è bene consultare il bando all’articolo 5 o il testo della deliberazione citata qui sopra.

Le visite mediche si svolgeranno presso una struttura pubblica o privata accreditata.

Dopo la prova ogni candidato riceverà per iscritto la comunicazione dell’idoneità o della non idoneità.

Chi viene valutato inidoneo non sarà ammesso alle successive fasi concorsuali e sarà escluso dal concorso.

 

  • 38. Chi accederà alla fase formativa?

Tutti i candidati valutati idonei dopo la visita medica, con un massimo di 152 posti.

 

  • 39. Ci sono costi da sostenere per la fase di formazione residenziale?

No, la formazione residenziale prevede la permanenza obbligatoria nella struttura che verrà individuata, senza costi a carico dei partecipanti, neppure per vitto e alloggio.

 

  • 40. Dove si svolgerà la formazione residenziale?

La formazione residenziale si svolgerà presso l'Accademia Militare sita a Modena in Piazza Roma, 15.

 

  • 41. Quando si svolgerà la formazione residenziale?

La formazione residenziale durerà 4 settimane consecutive dal 8 giugno 2020 al 4 luglio 2020.

 

  • 42. Ci sono obblighi specifici durante lo svolgimento della formazione residenziale?

Sì. I candidati ammessi alla formazione residenziale dovranno:

  1. avere frequentato almeno l’85% delle ore di formazione complessive e almeno l’85% di pernottamenti notturni;
  2. osservare le regole di comportamento e di convivenza che verranno comunicate al momento dell’avvio dei corsi.

 

  • 43. Durante la formazione residenziale, che supporto riceveranno i candidati?

Ogni classe sarà supportata da un Tutor, che accompagnerà i candidati nel loro processo di apprendimento.

Il Tutor, inoltre, redigerà una scheda di presentazione alla commissione esaminatrice, per dare conto del comportamento dell’allievo nel periodo di permanenza durante la fase della formazione residenziale, in cui saranno riportati:

  1. eventuali richiami o osservazioni formali provenienti dai responsabili della struttura presso cui si tiene la formazione residenziale;
  2. eventuali ritardi rispetto all’orario di inizio delle lezioni;
  3. eventuali violazioni alle norme di comportamento comunicate all’avvio dei corsi;
  4. impegno, attenzione e rispetto dei ruoli.

 

  • 44. Quali sono le materie relative alla formazione?
  1. le materie inerenti il servizio di polizia locale ed il ruolo dell’agente nella comunità;
  2. tecniche operative: operare in sicurezza nella polizia locale;
  3. il ruolo dell’agente nei servizi di polizia stradale;
  4. formazione in materia di sicurezza sul lavoro e per il conseguimento della patente di servizio;
  5. il ruolo dell’agente a tutela della salute pubblica, del territorio e del consumatore.

 

  • 45. Come si svolgerà l’esame finale?

Si tratterà di una prova orale basata prevalentemente sulla risoluzione di casi pratici relative alle materie trattate durante la formazione residenziale.

  

  • 46. Chi è ammesso all’esame finale?

Sono ammessi all’esame finale i candidati che hanno frequentato almeno l’85% delle ore di formazione complessive e di almeno l’85% di pernottamenti notturni.

 

  • 47. Come sarà effettuata la valutazione dell’esame finale?

Ogni commissario ha a disposizione 100 punti:

  1. valutazione complessiva della prova finale, massimo a 90 punti;
  2. scheda di presentazione del tutor d’aula , massimo 10 punti.

Al termine dell’esame, il risultato sarà dato dalla somma dei punteggi attribuiti da ogni commissario. L’esame finale si intende superato dai candidati che abbiano ottenuto una valutazione minima di 180/300mi.

 

  • 48. Come sarà stilata la graduatoria finale?

Sulla base del punteggio dell’esame finale verrà approvata la graduatoria, pubblicata sul Bollettino Ufficiale della Regione Emilia-Romagna Telematico e sul sito Internet della Regione Emilia-Romagna.

La graduatoria di merito ha validità tre anni.

 

Ulteriori informazioni

Per qualsiasi ulteriore chiarimento o informazione, si prega di mandare una mail a urp@regione.emilia-romagna.it

Solo attraverso questo strumento siamo in grado di garantire una risposta effettiva ad ogni quesito.

Azioni sul documento

pubblicato il 2019/12/10 11:15:00 GMT+1 ultima modifica 2020-02-06T12:12:27+01:00

Non hai trovato quello che cerchi ?