Seguici su

Polizia locale

Rilfedeur: descrizione e funzionalità

Rilfedeur è molto più di uno strumento per la semplice raccolta e classificazione di eventi: costituisce oggi un potente strumento in grado di supportare le strutture di polizia locale nella gestione di tutti gli esposti e le segnalazioni che pervengono al comando.

Rilfedeur è un sistema per la rilevazione, la raccolta, la classificazione e la gestione delle segnalazioni sul degrado urbano fatte dai cittadini agli enti. Il sistema, nato da un progetto della Regione Emilia – Romagna in collaborazione con diversi Enti Locali e con il contributo del Ministero per l'Innovazione e le Tecnologie all'interno del Piano Nazionale di e-Governemtn, ha come obiettivo principale quello di aprire un canale dinamico di dialogo con il cittadino, richiedendone la collaborazione nella fase di segnalazione di disagi e/o situazioni di degrado di vario tipo riscontrabili sul territorio.

I cittadini sono la fonte principale delle segnalazioni, effettuabili utilizzando tutti i canali disponibili (telefono, lettera, e-mail, fax, sito web dell’ente, segnalazione diretta, etc.). La polizia locale o chiunque svolga attività specifica sul territorio, può a suo volta effettuare inserimenti e segnalazioni.

cartografia.jpgII sistema, realizzato in tecnologia Web-GIS, è caratterizzato dalla capacità di georeferenziare tutti i fenomeni segnalati, posizionandoli sul territorio in modo preciso. Questo è particolarmente utile poiché lo studio e la comprensione dei fenomeni di degrado non possono prescindere dalla conoscenza della loro distribuzione e frequenza sul territorio. Il sistema consente inoltre di utilizzare avanzati strumenti di analisi geostatistica per analizzare il degrado del territorio e prevedere la sua evoluzione nel tempo.

In questo contesto Rilfedeur genera “mappe del rischio” e “mappe del degrado” concretamente utilizzabili per pianificare interventi sul territorio volti ad eliminare o ad attenuare i disagi, oltre a misurare e monitorare nel corso del tempo l’evoluzione delle aree urbane ed extraurbane e l’efficacia degli interventi attuati per contrastare i fenomeni di degrado.

Le segnalazioni pervenute dalle diverse fonti vengono raccolte e gestite in un unico database centrale dopo essere state verificate e classificate dagli operatori. Il sistema gestisce tutti i diversi stadi di vita della segnalazione: dalla sua apertura, alla lettera di ricezione inviata al cittadino, dalla gestione del fenomeno al suo eventuale inoltro al settore o all’ente di competenza, fino all’eventuale risoluzione del problema ed alla sua memorizzazione a fini statistici. In tutte le fasi il cittadino è costantemente informato dello stato di avanzamento della sua segnalazione.

Rilfedeur è disponibile in versione comunale, ovvero destinato a polizie municipali e URP di comuni,versione multicomunale per associazioni di comuni ed unioni, ed in versione provinciale, ovvero destinato principalmente ai corpi di polizie provinciali ed alle guardie ecologiche volontarie. La versione destinata ai comuni è orientata a problematiche di tipo urbano e si focalizza su fenomeni di disagio prevalentemente riscontrabili in città. La versione destinata alle provincie ha invece un taglio di tipo extraurbano ed è orientata a problematiche tipiche delle polizie provinciali (ambientali, ittico-venatorie, ecc.).

>> Clicca qui per scaricare un articolo di presentazione di Rilfedeur sulla rivista EGov

 

classificazione.jpgLa classificazione dei fenomeni

Un aspetto centrale del sistema Rilfedeur è la classificazione dei fenomeni mediante attributi. Ogni fenomeno è univocamente identificato dalla combinazione di tre attributi: Classe, Soggetto ed Evento. Per fare un esempio pratico: un fenomeno di degrado relativo ad un cassonetto dei rifiuti danneggiato, viene classificato come degrado fisico-ambientale, ha come soggetto contenitori rifiuti e l’evento subito rientra nella categoria danneggiato/dissestato.

 

Quindi... come funziona?

Il cittadino può comunicare via internet la segnalazione di disagio, tramite una cittadinanza.jpgpagina web che contiene un form ed una mappa interattiva, che lo guidano nella classificazione e localizzazione del fenomeno rilevato. Per classificare il fenomeno utilizza una ricerca basata su parole chiave: in base alle parole chiave immesse viene mostrato un elenco di fenomeni possibili (classe - soggetto - evento) tra i quali il cittadino sceglie quello che desidera segnalare. Per la localizzazione del fenomeno è possibile utilizzare sia la mappa sia gli strumenti di ricerca e localizzazione tramite via, numero civico o toponimo. Il modulo è utilizzato dagli operatori che inseriscono e gestiscono le segnalazioni (operatori di Polizia Municipale o Provinciale, URP, uffici tecnici comunali, ecc.). L’applicazione fornisce gli strumenti per classificare i fenomeni, collocare la segnalazione sulla mappa definendone la geometria, gestire e tracciare i passaggi tra i diversi uffici e utenti che si occupano di una segnalazione (responsabile e assegnatario), pianificare le attività di monitoraggio del fenomeno, inviare comunicazioni al cittadino, gestire le pratiche ed i documenti collegati, memorizzare lo storico degli interventi e tutti i passaggi dell'iter, inoltrare la segnalazione ad un altro ufficio o ente competente, monitorare i tempi di evasione. Il modulo di gestione contiene inoltre le funzionalità per la creazione dei report, delle mappe tematiche di numerose tipologie e delle schede con tutti i dati delle segnalazioni in formato pdf.

Azioni sul documento

pubblicato il 2014/02/11 13:45:00 GMT+2 ultima modifica 2020-05-20T16:25:45+02:00

Non hai trovato quello che cerchi ?